Follow us
Seleziona lingua

STRACCETTI DI MANZO IN PADELLA CON EMULSIONE DI RUCOLA, GOCCE DI STRACCHINO E POMODORINI ARROSTITI

By | Secondi piatti

CREMA VELLUTATA DI “STRACCHINO SENZA LATTOSIO”, SPAGHETTI DI ZUCCHINE , ANACARDI TOSTATI, FOGLIE AROMATICHE E PETALI DI LAVANDA

Ingredienti:
Scamone di manzo in fette 750 gR
Rucola selvatica 300 gr
Olio extravergine d’oliva
Sale
Stracchino 100 gr
Panna fresca 2 dl
Pepe nero in macina
Pomodorini pezzi 10o

Preparazione:
Per la carne…
Appiattire le fettine con il batticarne, tagliarle a striscioline e marinarle per 5 minuti con olio extravergine d’oliva.

Per la rucola…
Mettere nel bicchiere del mixer le foglie di rucola con un goccio d’acqua tiepida, olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale. Frullare fino a che l’intingolo diverrà liscio e cremoso ( controlleremo la densità aggiungendo acqua).

Per lo stracchino…
Sciogliere in una piccola casseruola lo stracchino con la panna fino ad ottenere una crema densa .
Nel frattempo passare i pomodorini a metà in una padella molto calda fino a renderli dorati.
Toglierli dal fuoco e conservarli in una bowl.
Nella stessa padella soffriggere gli straccetti ( dovranno restare rosati ).

Presentazione del piatto:
Con l’aiuto di un pennello disegnare ,con l’emulsione di rucola, una fascia verde sul fondo del piatto. Guarnire con gocce di stracchino ( sac a poches o biberon) ; aggiugere quindi , gli straccetti e terminare con i pomodorini.

SALMONE CROCCANTE CON PUREA DI PATATE E STRACCHINO, FIENO DI CAROTE E RIDOTTO AL REFOSCO

By | Secondi piatti

SALMONE CROCCANTE CON PUREA DI PATATE E STRACCHINO, FIENO DI CAROTE
E RIDOTTO AL REFOSCO

Ingredienti per 5 persone:
Trancio di salmone da 200 gr pezzi 5
Patate pasta bianca 250 gr
Stracchino 150 gr
Carote 200 gr
Refosco 5 dl
Cipolla bianca 1
Alloro
Zucchero semolato 50 gr
Chiodi garofano pezzi 2
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe
Brodo vegetale
Scalogno 100 gr
Semola grano duro 100 gr

Preparazione:
Far appassire in una casseruola gli scalogni tritati con olio, alloro e chiodi di garofano . Aggiungere zucchero e vino. Lasciar ridurre fino ad ottenere una salsa densa. Tagliare le carote a julienne molto sottile; passarle nella semola e friggerle in olio molto caldo.Sbucciare e tritare la cipolla, passarla in padella con poco olio. Unire le patate a cubetti, coprire di brodo vegetale e portare a cottura. Condirle con sale e, una volta cotte, frullarle con un mixer ad immersione, aggiungere lo stracchino e continuare ad emulsionare fino ad ottenere una crema liscia.
A questo punto spadellare i tranci di salmone con poco olio extravergine( prima dalla parte della pelle).

Presentazione del piatto:
Disporre sul fondo del piatto la crema di patate e stracchino. Al centro il trancio di salmone e terminare con un filo di ridotto di refosco e il fieno croccante di carote.

Polpette di quinoa, zucchine e stracchino

By | Secondi piatti

Polpette di quinoa, zucchine e stracchino

Ingredienti per 16 polpette:
Quinoa 200 g
Acqua 400 g
Olio extravergine d’oliva q.b.
Sale fino q.b.
Zucchine 250 g
Stracchino 60 g
Parmigiano reggiano 60 g
Pangrattato (e q.b. necessaria per impanare) 130 g
Uova medie 2
Scorza di limone biologico 1
Erba cipollina q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.
Olio di semi per friggere q.b.
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.

Preparazione:
Per preparare le polpette di quinoa, zucchine e stracchino cominciate eliminando la saponina. Si tratta di una sostanza che c’è sulla quinoa perciò sarà sufficiente versarla in un colino e sciacquarla. In un tegame versate un filo d’olio e tostate la quinoa per qualche istante mentre mescolate di continuo.

Coprite con acqua, salate e portate a bollore. Mescolate di tanto in tanto e cuocete per circa 15 minuti: a fine cottura l’acqua dovrà essere completamente assorbita. Spegnete la fiamma e lasciate intiepidire per una decina di minuti. Nel frattempo potete occuparvi del resto. Lavate e asciugate le zucchine, dopodiché spuntatele e grattugiatele con una grattugia a maglie larghe.

Regolate di sale e pepe, aggiungete poi l’erba cipollina sminuzzata con le forbici e la scorza grattugiata di limone.
A questo punto unite anche la quinoa ormai tiepida, il pangrattato ed il Parmigiano e per finire le uova. Inizialmente mescolate il tutto con una spatola dopodiché passate a compattare con le mani.

Prima di procedere con la formazione delle polpette disponete un vassoio con del pangrattato. Quindi prelevate un po’ di impasto e schiacciatelo nel mezzo fino a formare una conca. Nel centro versate circa 1 cucchiaino di stracchino e coprite con ancora un po’ di impasto e sigillate bene le polpette, eviterete così che fuoriesca il formaggio. Rotolate le polpette nel pangrattato e procedete con la cottura. Immergete non più di 2-3 polpette alla volta in abbondante olio a 165°. Ci vorranno 2-3 minuti per dorare la superficie. Ecco pronte le vostre polpette di quinoa, zucchine e stracchino… gustatele calde o tiepide.

Credits:

Giallo Zafferano.

Flan di piselli su crema di stracchino

By | Secondi piatti

Flan di piselli su crema di stracchino

Ingredienti per 4 persone:
500 gr di baccelli di piselli verdi freschi ( 180-200 gr piselli freschi)
1 uovo grande
70 gr parmigiano reggiano grattugiato
50 gr formaggio spalmabile
4 scalogni biologici  piccoli( se no 2 comuni)
200 gr stracchino
30 gr filetti di mandorle
2 ravanelli
5 foglie di menta
8 foglie basilico
sale
pepe
olio evo

Preparazione:
Per prima cosa bisogna sgranare i piselli.
Versate del sale dentro un altro  pentolino antiaderente e fate andare la fiamma bassa, intanto sbucciate gli scalogni e divideteli a metà.
Metteteli a rosolare nella parte tagliata dal coltello per qualche minuto.
Aggiungete poi 200 ml di acqua, i piselli, le foglie di basilico.
Accendete il forno a 200 C°.
Cuocete per circa 7 minuti poi prendete una caraffa e versate il contenuto con una parte del brodo di cottura residuo, tenete da parte qualche pisello per la decorazione, aggiungete la menta, il sale, il parmigiano, il formaggio spalamabile e l’uovo e con un mixer ad immersione frullate per ottenete una
crema liscia.
Se vedete che rimangono dei grumi passatela al setaccio.
Imburrate 4 stampini da babà o quelli da budino poi versate la crema di piselli all’interno.
Prendete una teglia e versateci dell’acqua, poi posizionate gli stampini e infornate per 30 minuti, farete una cottura a bagno maria.
Quando i flan saranno cotti sfornateli e lasciateli leggermente raffreddare prima di sformarli dagli stampini.
In un pentolino tostate leggermente le lamelle di mandorle fino a che risulteranno dorate.
In un altro pentolino versate lo stracchino e lasciatelo sciogliere sotto una fiamma dolce.
Pulite i ravanelli e poi tagliateli a fettine molto sottili.

Presentazione del piatto:
Impiattate versando la crema di stracchino sul fondo, poi posizionate il flan al centro e mettete qualche pisello e una foglia di menta sopra come decorazione, versate qualche lamella di mandorla sulla crema e aggiungete qualche fetta di ravanello.
Condite con olio evo e servite subito tiepido.

Credits:

Tre muffin e un architetto.

CARRE’ DI AGNELLO IN CROSTA AL TIMO, STRACCHINO SPUMOSO, SEDANO CANDITO E RIBES ROSSO

By | Secondi piatti

CARRE’ DI AGNELLO IN CROSTA AL TIMO, STRACCHINO SPUMOSO, SEDANO CANDITO E RIBES ROSSO

Ingredienti per 4 persone:
Carrè agnello con osso 1 kg
Timo fresco 300 gr
Farina polenta bianca 200 gr
Olio extravergine d’oliva
Sale
Stracchino classico 400 gr
Latte 2 dl
Sedano verde coste 4
Ribes rosso rametti 8
Zucchero semolato 100 gr
Timo per guarnire

Preparazione:
Rosolare le costolette d’agnello porzionate con olio extravergine e sala. Nel mixer , frullare farina per polenta e foglie di timo fresco. Panare le costolette con il composto e conservare .
Sbollentare il sedano (tagliato a spaghetti) in acqua bollente salata per 2 minuti. Scolarlo e spadellarlo con lo zucchero. Una volta lucido il sedano è pronto.

Emulsionare, a questo punto, lo starcchino con latte e olio extravergine d’oliva. Mettere la spuma in una sac a poche.
Terminare la cottura della carne in forno a 160° per 15 minuti ( dovrà essere rosato al cuore).

Presentazione del piatto:
Disporre due costolette per piatto, unire lo stracchino e terminare con gli spaghetti di sedano , i rametti di ribes rosso e e del timo fresco.

Cestini di pane Carasau allo stracchino, sale affumicato e basilico

By | Pizze e focacce

Cestini di pane Carasau allo stracchino, sale affumicato e basilico

Ingredienti:
n.8 dischi di pane Carasau
200 gr stracchino
q.b. olio evo
q.b. pepe
q.b. sale affumicato
q.b. foglie di basilico fresco

Preparazione:
Accendere il fono a 180°.
Preparare una sorta di crema mescolando lo stracchino all’olio evo, al sale affumicato e al pepe nero. ( io ho condito poi una parte della crema con alcune foglie di basilico fresco)
Bagnare sotto l’acqua tiepida i dischi di pane Carasau fino a quando non saranno diventati morbidi.
Foderare 4 stampini monoporzione con i dischi di Carasau. (io ne ho preparati alcuni monoporzione e altri mignon. Il numero dipende dalle dimensioni delle formine)
Alternare la crema di formaggio a strati sottili di Carasau. ( circa 4 strati di Carasau).
Spennellare tutta la superficie dei cestini con olio evo e salare con un po’ di sale affumicato.
Infornare e cuocere per massimo 12′ facendo attenzione che non si colorino troppo.
Togliere dal forno, aspettare una decina di minuti e sformare i cestini al formaggio.

Presentazione del piatto:
Servire quasi tiepidi magari accompagnandoli con una insalata mista.

Credits:

Contemporaneo food – Cristina Saglietti.

Crescioni con prosciutto affumicato, stracchino e crescione

By | Pizze e focacce

Crescioni con prosciutto affumicato, stracchino e crescione

Ingredienti per 12 crescioni:
250 g di farina 00
62,5 g di acqua
62,5 g di latte parzialmente scremato fresco
50 g di strutto
7 g di lievito per torte salate
5 g di sale fine
1 pizzico di bicarbonato di sodio
200 g di prosciutto cotto affumicato
150 g di stracchino
un mazzetto di crescione
pepe

Preparazione:
Fate scaldare al microonde il latte e l’acqua per pochi secondi in modo che siano tiepidi. Lasciate ammorbidire lo strutto mezz’ora circa fuori dal frigorifero. Su di un tagliere disponete la farina e fate un buco al centro con la mano. All’interno mettete lo strutto a pezzetti con il lievito, il bicarbonato e il sale, schiacciatelo con la forchetta per ammorbidirlo, aggiungete l’acqua e il latte. La consistenza inizialmente potrebbe essere un pochino appiccicosa e la pasta si attaccherà al tagliere ma impastando per una decina di minuti, cambierà staccandosi e diventando molto morbida e liscia. Se il liquido è troppo poco si sfalda e risulta un po’ dura. Mettete l’impasto in una ciotola e coprite con la pellicola per alimenti. Lasciate riposare 48 ore al fresco, massimo 20°C, se fosse più caldo potete lasciare riposare la pasta in frigorifero e metterla a temperatura ambiente 2 ore prima dell’uso.

Dividete l’impasto iniziale in 12 palline da circa 35 grammi e lasciatele riposare almeno mezz’ora. Disponete ogni pallina sul tagliere appena infarinato, schiacciatela con le dita e stendetela con il mattarello un po’ più sottile rispetto alla piadina perché se fosse troppo grossa non cuocerebbe bene all’interno e nei bordi.

Farcite i crescioni con il prosciutto a pezzetti, un cucchiaino di stracchino e qualche foglia di crescione; completate con una macinata di pepe. Chiudete i crescioni e sigillate il bordo prima con la punta delle dita poi con i rebbi di una forchetta facendo attenzione a non forare il crescione. Scaldate il testo o l’apposita teglia di terracotta, su un fornello a doppia fiamma, con sotto uno spargifiamma. Se non avete nessuna di queste teglie utilizzate una padella antiaderente piuttosto larga. La temperatura non dovrà essere troppo alta altrimenti la piadina si brucia fuori e rimane cruda all’interno, ma nemmeno troppo bassa. Potete fare una prova con un piccolo pezzetto di pasta per regolare la giusta temperatura.

Cuocete i crescioni da entrambi i lati, premendo leggermente sui bordi affinché cuociano uniformemente. A fine cottura mettete i crescioni in piedi in modo che si cuocia anche la parte della piega.
Serviteli caldi.

Credits:

Ab ovo.

focaccia allo stracchino con fiori di zucca e acciughe

By | Pizze e focacce

focaccia allo stracchino con fiori di zucca e acciughe

Ingredienti per 8 persone:

180 GRAMMI SEMOLA
400 GRAMMI STRACCHINO
10 ACCIUGHE O ALICI SOTT’OLIO
180 GRAMMI FARINA
12 ZUCCA FIORI
q.b. OLIO DI OLIVA EXTRAVERGINE
q.b. SALE

Preparazione:
mpasta la farina 00 e quella di semola con 4 cucchiai d’olio, 1,8 dl d’acqua e un cucchiaino di sale, finché otterrai un panetto compatto ed elastico. A questo punto, avvolgi nella pellicola e fai riposare per 15-20 minuti. Nel frattempo lava delicatamente i fiori di zucca (oppure passali solo con un panno umido), tagliali a metà e privali di gambi e pistilli.

Ungi con un po’ d’olio una teglia forno rotonda. Quando il panetto è lievitato, dividilo in 2 parti, una un po’ più grande dell’altra. Stendi il panetto più grande e disponi la pasta nella teglia oliata, lasciando fuoriuscire i bordi.

Distribuisci sulla base della focaccia lo stracchino a pezzetti, i fiori di zucca e le acciughe sgocciolate. Stendi il secondo panetto di pasta e disponi il disco sulla farcitura, così da chiudere la focaccia. Ripiega i bordi e sigilla. Bucherella la superficie con una forchetta o uno stecchino e cuoci per 20-25 minuti in forno preriscaldato a 230°. Quando diventa dorata, la focaccia con stracchino, zucca e acciughe è pronta: servila tiepida.

Suggerimenti:
Per un tocco di gusto in più, puoi personalizzare la ricetta della focaccia stracchino e acciughecon fiori di zucca aggiungendo dei pomodori secchi, che si sposano molto bene con gli altri ingredienti presenti nella farcitura. Inoltre, prima di infornare puoi cospargere la superficie dellafocaccia stracchino, zucca e acciughe con una manciata di semi di lino. 

Credits:

Sale e pepe.

Millefoglie di Piadina Romagnola IGP con pesto di pistacchi e Grana Padano DOP e Mortadella Bologna IGP

By | Pizze e focacce

Millefoglie di Piadina Romagnola IGP con pesto di pistacchi e Grana Padano DOP e Mortadella Bologna IGP

Ingredienti per 8 millefoglie:
4 Piadine Romagnole IGP alla riminese [quelle sottili] 280g di stracchino cremoso
140g di Mortadella Bologna IGP in una fetta spessa
Per il pesto di pistacchi
60g di pistacchi sgusciati
30g di Grana Padano DOP
4 foglie di basilico
olio evo q.b.
sale

Preparazione:
Iniziate preparando il pesto. Sbollentate per un minuto i pistacchi in acqua bollente. Scolateli e privateli delle pellicine. Tamponateli con carta assorbente e metteteli all’interno del bicchiere di un mixer ad immersione. Lavate il basilico e asciugatelo delicatamente con acqua assorbente. Unitelo nel bicchiere del mixer insieme al Grana Padano ridotto a scaglie, una presa di sale e olio evo a filo. Con un mixer tritate il tutto fino ad ottenere un composto non troppo omogeneo. Trasferite il pesto in una ciotola, unite ancora un po’ di olio e tenete da parte [è possibile prepararlo con un giorno di anticipo conservandolo in frigo].

Riducete la mortadella a cubetti. Scaldate una padella antiaderente e saltatevi la mortadella senza aggiunta di grassi. Con un coppapasta ricavate dalle piadine 24 cerchi [Ø di 8cm]. Scaldate una padella antiaderente e fatevi cuocere i cerchi di piadina 2 minuti per lato. Lavorate lo stracchino con una forchetta al fine di renderlo molto cremoso.

Componete ore le millefoglie. Spalmate 20 dischi con lo stracchino, completate con i cubetti di mortadella e due cucchiaini di pesto. Sovrapponete due dischi farciti e terminate con un disco croccante di piadina. Sporcate la superficie con poco pesto e decorate con due foglioline di basilico. Servite subito!

Presentazione del piatto:
Mettere un mestolino di crema nel piatto. Aggiungere al centro un nido di spaghetti di zucchine e terminare con le foglie , i germogli, i petali di lavanda e gli anacardi . Alla fine terminare con un filo di olio a crudo.

Credits:

Sara Milletti + L’appetito vien leggendo.

Focaccia di farro con stracchino e prosciutto crudo

By | Pizze e focacce

Focaccia di farro con stracchino e prosciutto crudo

Ingredienti:
400 gr farina 00
400 gr crescenza
50 gr lievito di birra
q.b. olio di oliva
200 gr prosciutto crudo
1 mazzetto rucola
1 cucchiaino sale
1 cucchiaino zucchero
100 gr farina di farro

Preparazione:
Disponi 400 g di farina 00 e 100 g di farina di farro a fontana sulla spianatoia. Versa al centro 2,5 dl di acqua (in cui avrai sciolto 50 g di lievito di birra fresco e 1 cucchiaino di zucchero) e 5-6 cucchiai di olio. Spolverizza l’esterno della farina con 1 cucchiaino di sale fino. Amalgama gli ingredienti e lavora con energia, in modo da ottenere un impasto liscio e morbido. Forma una palla, ungila d’olio e lasciala lievitare per 2 ore.
Fodera 2 teglie di 24-26 cm di diametro con carta da forno bagnata, strizzata e unta con olio. Dividi la pasta a metà e stendila con le mani nelle teglie. Fai riposare per 30 minuti.
Spennella la superficie delle focacce con 2 cucchiaio di olio e 2 di acqua sbattuti e cuoci in forno già caldo a 230°C per circa 20 minuti.
Farcisci subito le focacce di farro con 400 g di crescenza a fiocchetti, 200 g di prosciutto crudo a fettine e un mazzetto di foglie di rucola ben lavate e asciugate.

Presentazione del piatto:
Servi a spicchi.

Credits:

Donna Moderna.

Iscriviti adesso alla nostra newsletter.
Resta informato sui nostri prodotti, traguardi ed iniziative!

Dichiaro di aver letto e accettato l' informativa sulla Privacy Policy